Project Description

Renato D’Agostin

The Beautiful Cliché Venezia
Silvana Editoriale, Milano 2011

 

Venetian Heritage ha contribuito alla pubblicazione del volume fotografico che ritrae una Venezia inconsueta in bianco e nero.

L’elogio della bellezza della città di Venezia è forse uno dei tratti più noti e a carattere globale della città. Altrettanto diffusi sono gli scatti “da cartolina”. Immagini stereotipate che riproducono i luoghi monumentali dotati di singolarità unica e irripetibile e diffusi attraverso le medesime immagini infinitamente ripetute. Parrebbe dunque, che poco o nulla si debba o si possa scoprire della città lagunare così fortemente condizionata dal suo mito. Il lavoro di Renato D’Agostin ruota intorno ad altre possibilità: svela gli spazi architettonici più noti come, ad esempio Piazza San Marco, sottoponendoli ad una sorprendente analisi primaria in cui i contorni dei volumi delle architetture sfumano senza perdere il loro peso; la lettura degli spazi è in-finita pur rappresentando la visione dell’autore; i dettagli degli edifici rimandano necessariamente all’intero costruito; l’orizzonte della Laguna è tracciato dai profili ideali delle isole e dai punti delle briccole per la navigazione senza da queste esserne condizionato. Non si tratta, allora, solo di un libro di fotografie ma di una raccolta di alcune possibili “visioni” della città. Le immagini non sono compiute o definite dal loro contorno  ma obbligano a pensare i luoghi da cui provengono, rimandano cioè a una percezione dell’intera città prescindendo dalla sua rappresentazione fotografica del dettaglio.
Non è facile astrarre da una città così complessa luoghi per farli diventare “luoghi fotografici”, capaci cioè di suscitare emozioni, incanti, sorpresa. Forse, è possibile dire che l’autore si è posto in una condizione di “ascolto dei luoghi” e ne ha distillato alcune qualità essenziali. Si coglie un senso del futuro che travalica il mezzo fotografico, che aspira a riconoscere orizzonti e percorsi non ancora espliciti.   In questo approccio si coglie la piena vitalità dei luoghi, la loro potente forza di essere percepiti da milioni di visitatori e tuttavia, compresi o meno da ciascuno di essi, in modi sempre diversi e continuamente rinnovati.

Il volume è disponibile in lingua italiana, inglese, francese e giapponese.

Dettagli sulla consultazione