Project Description

Restauro dello Scalone Monumentale, opera di Mauro Codussi
Scuola Grande San Giovanni Evangelista, Venezia

 

progetto
restauro dello Scalone Monumentale opera di Mauro Codussi, 1498

luogo
Scuola Grande San Giovanni Evangelista, Venezia

direzione lavori
Arch. Bruno Ranuffi

ditte esecutrici
Zero4uno Ingegneria s.r.l;

inizio lavori
settembre 2018

fine lavori
lavori in corso

costo totale progetto
1.095.930 €

A Venezia, a partire dal XIII secolo, si formarono le Scuole, ovvero luoghi di aggregazione per confraternite laiche a scopo caritatevole, che rivestirono un ruolo importante nella vita sociale ed economica della città.
Le Scuole si potevano dividere in Scuole di Devozione o Scuole Grandi. Quest’ultime godevano di mezzi finanziari per erigere sontuosi edifici per le loro riunioni progettati dai maggiori architetti dell’epoca e decorate dagli artisti più in voga.
Il complesso monumentale della Scuola Grande San Giovanni Evangelista è il risultato di un avvicendarsi secolare di interventi architettonici e decorativi che, a partire da un primo edificio della metà del Trecento, andò gradualmente ampliandosi con l’accrescersi dell’importanza devozionale ed economica della Scuola.
Nel 1498 il bergamasco Mauro Codussi realizzò per la Scuola uno scalone monumentale a due rampe, a cui si accede da due ampi portali rinascimentali.
La carenza di spazio, dovuta alla prossimità con il rio di San Giovanni, è stata ovviata dall’abilità del Codussi. Le linee prospettiche delle rampe creano l’illusione di una profondità maggiore di quella reale. Ad aggiungere forza a questa percezione deformata vi sono anche altri elementi: due vani coperti da cupolette cieche alla partenza delle rampe, i piani che ne interrompono la corsa, le finestre laterali che scandiscono l’ascesa, gli archetti su capitelli pensili che segnano la copertura a botte del soffitto. Sulla sommità delle due rampe il Codussi, riuscendo a creare una raffinata anticamera per il salone principale, ampliò l’angusto spazio utilizzabile coprendolo con la piccola ed elegante cupola cieca che poggia su un tamburo decorato a niello, aprendo quattro grandi arcate, abbellite da elementi del repertorio decorativo del Primo Rinascimento, due verso le scale, una di ingresso al salone e una a coronamento della grande bifora con archi a tutto sesto e occhio centrale.
Lo Scalone versa in precarie condizioni statiche e necessità di urgenti lavori strutturali e di restauro. Venetian Heritage ha deciso di adottare questo importante progetto di restauro, il quale sarà realizzato in diverse fasi per evitare la chiusura al pubblico dell’edificio.