Project Description

Altare dell’Ecce Homo
Palazzo Minelli Spada, Venezia

progetto
restauro dell’Altare dell’Ecce Homo

luogo
palazzo Minelli Spada, Venezia

direzione lavori
Procuratoria di San Marco;
Soprintendenza dei Beni Ambientali e Architettonici di Venezia

ditte esecutrici
Sansovino s.n.c., Venezia

donazione
Toto Bergamo Rossi;
Venetian Heritage

inizio lavori
marzo 2004

fine lavori
maggio 2004

finanziamento 
10.000,00€

 

Nella cappella della Casa di riposo cardinal Piazza a Venezia, gestita dalla Curia, si trova l’altare scolpito in alto rilievo in pietra tenera di Vicenza, che rappresenta il Cristo della Passione, in piedi dentro un sarcofago, adorato da due angeli.
Dopo un secolo di continui spostamenti dall’Arsenale alla cripta, poi nel Tesoro e nel battistero della basilica di San Marco, e infine nella cappella di San Teodoro alle spalle della basilica, l’altare raffigurante l’Ecce Homo adorato dagli angeli ha trovato una sede permanente nel 1960 presso l’oratorio della Casa del cardinal Piazza. L’altare, di cui non vi è traccia nella storia dell’arte veneziana, fu scoperto da Anne Markham Schulz e riconosciuto come opera dello scultore Gianmaria Mosca, ed eseguito nel 1525 circa. Dagli studi condotti da Anne Markham Schulz è emerso che fu realizzato in origine per la chiesa del convento delle Vergini, sempre a Venezia, soppressa per decreto napoleonico all’inizio del XIX secolo.