Project Description

Allestimento della nuova ala Samsung & Venetian Heritage
Gallerie dell’Accademia, Venezia

progetto
allestimento museale delle prime  cinque sale della nuova ala delle  Gallerie dell’Accademia di Venezia

luogo
Gallerie dell’Accademia, Venezia

progetto esecutivo
Renata Codello;
Tobia Scarpa

progetto scientifico
Roberta Battaglia;
Giulio Manieri Elia;
Sandra Rossi

progetto strutturale e verifiche
Gianni Breda

alta sorveglianza
Giulia Passante

ditte esecutrici
Enrica Colombini;
Equilibrarte;
ETT Solution;
Europavimenti;
Gruppo Fallani;
Mariuzzo;
Meritalia;
Merotto Milani;
Sacaim;
Spazio Luce;
Studio Sebastiano Girardi;
Uni.S.Ve;
Vianello Giovanni;
Zanatta

donazione
Samsung Electronics Italia S.p.A;
Venetian Heritage

parte dell’intervento è stato svolto nell’ambito  del programma congiunto UNESCO-Comitati  Privati Internazionali per la Salvaguardia di Venezia

inizio lavori
dicembre 2014

fine lavori
maggio 2015

finanziamento
615.000,00 €

Il museo delle Gallerie dell’Accademia occupa l’antica Scuola e l’ex chiesa di Santa Maria della Carità con l’annesso monastero dei Canonici Lateranensi, edificato da Andrea Palladio. Il museo fu istituito nel 1807, su modello del Louvre, quando Venezia entrò a far parte del Regno Italico creato da Bonaparte. In quel periodo numerosi decreti napoleonici portarono alla chiusura – e in molti casi alla demolizione – di vari edifici di culto e pubblici. La maggior parte dei dipinti provenienti da questi istituti soppressi fu raccolta all’Accademia, col fine di essere studiata dagli allievi della scuola d’arte. Nel corso dell’Ottocento la raccolta si arricchì di importanti lasciti e acquisizioni pubbliche. Oggi è il tempio della pittura veneta. Il museo ha duplicato la sua superficie espositiva grazie alla recente acquisizione del piano terra del complesso, occupato fino a pochi anni fa dall’Accademia di Belle Arti. L’importante intervento è stato finanziato e diretto dal Ministero dei beni culturali e del turismo e progettato da Tobia Scarpa.
La collaborazione tra Samsung, leader mondiale nella tecnologia digitale, e Venetian Heritage ha reso possibile l’esecuzione dell’allestimento delle prime cinque sale delle nuove Grandi Gallerie. Le sale ospitano l’inedito percorso espositivo del piano terra, che comprende straordinarie opere d’arte, alcune delle quali mai esposte al pubblico per carenza di spazi. Attraverso una galleria di ritratti dei primi direttori dell’Accademia, si accede a una sala dedicata a Gianbattista Tiepolo e ai suoi bozzetti di opere dipinte per i soffitti di alcune chiese e palazzi veneziani. La sala seguente celebra la grande pittura del Seicento, da Fetti a Strozzi, Valentin de Boulogne, Baschenis, Nicolas Régnier, Pietro da Cortona, Luca Giordano. Questi dipinti sono esposti nella sala detta “del collezionista” dove è stata allestita una parete che ripropone idealmente la decorazione di una sala di un palazzo veneziano nel Seicento.
Le prime cinque sale di questo nuovo percorso sono state inaugurate l’8 maggio 2015. L’intervento ha dotato le Gallerie dell’Accademia di tecnologie più innovative che consentono ai visitatori di scoprirne i tesori, di comprendere meglio la storia del luogo, degli artisti e dei dipinti che questo scrigno d’arte conserva, di approfondire i legami delle opere con il territorio e la loro provenienza e infine, di proporre nuovi modelli di didattica museale. L’obiettivo è quello di ampliare l’offerta formativa e favorire un percorso il più possibile consapevole ed inclusivo, garantendo a tutti i visitatori pari opportunità di fruizione.
Un segmento fondamentale del progetto è ampiamente dedicato al pubblico di studenti e insegnanti, fruitori e al tempo stesso soggetti propositivi di materiali didattici, attraverso la realizzazione di laboratori didattico-formativi, anche per docenti, all’interno della sala “Smart Classroom”, dove è possibile scoprire all’insegna della massima partecipazione la storia delle opere esposte. Inoltre, totem interattivi e tablet con contenuti multimediali, differenziati per target di visitatori, accessibili attraverso un’App dedicata, sono dislocati accanto ai principali capolavori esposti, permettendo di fruirne in modo dinamico e coinvolgente.
Il regista James Ivory, membro onorario di Venetian Heritage e testimonial d’eccezione, accoglie il visitatore attraverso un video e conclude la presentazione menzionando l’intento di Venetian Heritage e di Samsung per le nuove Gallerie dell’Accademia: «l’arte è e deve essere accessibile a tutti». Uno speciale ringraziamento va all’Università degli Studi di Padova-Dipartimento Ingegneria Civile Edile ed Ambientale, alla Duke University e allo IUAV per aver fornito il video-wall Visualizing Venice che illustra la ricostruzione storica virtuale dell’area dell’Accademia e alla ditta Rubelli per aver fornito il tessuto della Sala del Collezionista.